Article marketing di qualità, pubblica i tuoi articoli inediti per aumentare la popolarità del tuo sito.

Quali sono le tecniche della liposcultura

Categoria: Medicina e Salute Pubblicato 15 Luglio 2019
Scritto da Danilo De Luca Visite: 410

Per scoprire quali sono le tecniche relative all’intervento di liposcultura, occorre prima sapere che cosa succede quando ci si sottopone ad un’operazione del genere. L’esigenza da risolvere, e che è alla base dell’intervento, è quella di rimuovere il tessuto adiposo in eccesso, presente in alcune aree del corpo. Vediamo quali sono le tecniche che permettono di raggiungere tale scopo.

Tecniche di liposcultura

L’intervento di liposcultura si pone l’obiettivo di aspirare il tessuto adiposo in eccesso. Per ottenere questo, si agisce con una cannula collegata ad un aspiratore o ad una siringa. La cannula viene inserita attraverso incisioni di 2 o 3 mm, le quali sono praticate nei pressi dell’area da correggere. La cannula permette di frantumare il grasso, emulsionarlo e contemporaneamente aspirarlo. Il tutto tramite opportuni movimenti della cannula stessa.

La liposcultura tumescente è la tecnica più moderna che viene utilizzata per questo tipo di interventi. Anche detta Wet Lipo, essa aspira il grasso in eccesso e non provoca ecchimosi eccessive, né dolore post operatorio. Grazie alla liposcultura tumescente, che viene operata anche da chi si occupa di liposuzione Verona, la convalescente risulta più rapida, si verifica un più rapido assestamento delle zone operate ed anche avviene una ripresa generale più veloce.

Cosa succede dopo l’intervento

L’assestamento della pelle nel punto operato si favorisce con l’utilizzo di guaine compressive, per un determinato periodo di tempo.  Nei due giorni successivi all’intervento, si deve rimanere a riposo, evitando attività faticose ma anche saune e bagni turchi. Passati 4 o 5 giorni, si può riprendere gradatamente la propria attività quotidiana e lavorativa. Nelle prime settimane, il gonfiore e l’edema saranno visibili, per poi regredire. Il risultato finale si potrà notare in maniera più definita dopo circa 2 o 3 settimane e, nel giro di tre mesi, esso sarà raggiunto totalmente.

Accedi o Registrati

Devi pubblicare articoli sul TURISMO o la CUCINA?

Scopri TurismoeCucina.it, il sito tematico per fare guest post o content marketing con una marcia in più!

Inviando questi dati autorizzi ProdottieServizi.net al trattamento dei tuoi dati ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003.

Sposarsi nelle Marche con Nevio Arcangeli

C'è qualcosa di magico nelle cascatelle di Cagli, nell'orizzonte che si scorge dal Monte Conero ammirando le famose "due sorelle" in Ancona. Nella maestosa Rotonda a mare di Senigallia o della città fortificata di Corinaldo dove i 100 scalini del pozzo della polenta incorniciano i ricordi di numerosi amanti e visitatori. Sono solo i primi luoghi a cui penso delle Marche ma c'è un mondo da scoprire. Di meraviglie ne vedrete ma non vi basterà una sola estate per scoprirla. Sposarsi in questa ridente regione, significa avere a disposizione scenari imperdibili che partono dagli Appennini Marchigiani e si tuffano a 2 ore di strada nella premiata costa Adriatica meta di milioni di turisti.

Se state pensando di sposarvi nelle Marche, il fotografo più conosciuto è Nevio Arcangeli, il fotografo per matrimoni di Senigallia, in Ancona che da anni ha immortalato i ricordi di generazioni di coppie. Vi farà scoprire la meraviglia che si cela nei luoghi delle Marche e nei momenti speciali, del giorno più importante della vostra vita.